Angela Motta: “Asti città insicura solo con il centrosinistra. Rasero ora minimizza sulla sicurezza”

Mi hanno un po’ stupito le dichiarazioni riportate da alcuni organi di informazione secondo cui il neo Sindaco Maurizio Rasero, dopo aver incontrato Prefetto e Questore, avrebbe minimizzato le problematiche della sicurezza, sostenendo che la criminalità è un problema non così drammatico e preoccupante per Asti e che le cose non vanno malissimo, ma c’è un problema di sicurezza percepita, peccato che in campagna elettorale abbiamo letto le sue dichiarazioni allarmanti sul tema.
Nelle scorse settimane ho portato il Ministro dell’Interno Minniti ad Asti e mi sono impegnata molto per sottoporgli le criticità che giustificano la richiesta di un occhio di riguardo per il nostro territorio: la presenza di campi nomadi al di sopra della media, le carenza di organico della polizia, la presenza di un territorio molto frastagliato. Sarebbe opportuno che anche la nuova amministrazione sostenesse queste richieste e non desse l’idea che si può abbassare la guardia.
Rinnovo, dunque, la richiesta già avanzata alla scorsa amministrazione, di avviare immediatamente il concorso per assumere nuovi agenti di Polizia Municipale.
Chiedo, inoltre, al nuovo Sindaco di predisporre gli atti necessari ad utilizzare da subito i provvedimenti consentiti dal nuovo decreto sicurezza, per mettere ordine in alcuni punti della città che presentano problemi particolari, nonché di far rispettare la circolare ministeriale che consente di evitare l’arrivo di nuovi profughi.